Giacomo Chiodini

Darsene, investimenti a Sant’Arcangelo e San Feliciano

Trasimeno: il parco non sia campana di vetro

PERUGIA – «Siamo favorevoli al Parco naturale che eleva il lago rispetto ad altre realtà. Ma non può diventare una campana di vetro in cui far morire un ambiente così prezioso». Le parole sono di Giacomo Chiodini, sindaco di Magione e presidente dell’Unione dei Comuni del Trasimeno che lunedì, insieme ad alcuni colleghi e ad alcune associazioni ha presentato il documento – otto pagine in tutto – con cui si pongono una serie di osservazioni al Piano di gestione del Parco del lago. Il Trasimeno dunque si muove in modo unitario mettendo insieme sindaci, esperti, pro loco, circoli nautici, associazioni di cacciatori come Arcicaccia e Federcaccia e mondo economico, da Officina sociale umbra alla cooperativa dei pescatori e non solo. Tutti insieme per provare ad «armonizzare il contesto naturale del lago con il suo alto livello di antropizzazione».

Ecco il documento con tutti i sottoscrittori PIANO DI GESTIONE DEL PARCO DEL LAGO TRASIMENO, DOCUMENTO OSSERVAZIONI UNIONE DEI COMUNI, ASSOCIAZIONI E OPERATORI ECONOMICI FEBBRAIO 2019

Continua a leggere

Auto elettriche, a Villa la prima colonnina Enel X

Casa Serena, insieme per il giardino dei 5 sensi

Continua a leggere

Amministrative 2019, è l’ora delle scelte (difficili)

Magione, lavori al via per migliorare l’area sportiva

Continua a leggere

La storia locale fa capolino dietro i lavori di via dell’Arco

“Dire, Fare, Contare: rendiconto di fine mandato” – versione ridotta

“Dire, Fare, Contare: rendiconto di fine mandato del sindaco di Magione”: versione ridotta. 🎬

In molti hanno segnalato l’eccessiva lunghezza dell’evento. Qui potete trovare un adattamento molto più breve ed agevole. ✌️

#rendiconto #finemandato #magione2019

Molino Fagioli, epilogo positivo dopo il rischio chiusura

Continua a leggere

Borgogiglione riapre: le raccomandazioni del sindaco

MAGIONE – Arriva il via libera alla ripresa dei conferimenti. Gli abbancamenti di rifiuti indifferenziati riguarderanno la parte sommitale della discarica di Borgogiglione per un totale di 47mila metri cubi. La decisione della Regione, che dovrebbe consentire di alleggerire la pressione sul sistema dei rifiuti nel Perugino, arriva dopo il blocco della raccolta dell’indifferenziato, dopo gli screzi con le autorità altotiberine per i conferimenti alla discarica di Belladanza (oltre che a Le Crete di Orvieto). In questa intervista al Tgr alcune riflessioni del sindaco di Magione Giacomo Chiodini, comune che ospita l’impianto. Continua a leggere

займы онлайн срочный займ в ставрополе займы онлайн в барнауле