Giovanni da Pian di Carpine, sindaco di Antivari in visita a Magione

MAGIONE 15 gennaio 2017 – Il convegno “Jalena Petrovic Njegoc – Regina Elena di Savoia, principessa del Montenegro e regina d’Italia” tenutosi al Castello dei Cavalieri di Malta di Magione è stato un’occasione di incontro tra realtà lontane (ma vicine) come il Montenegro, il Sovrano militare Ordine di Malta e Magione, patria d’origine di Giovanni da Pian di Carpine. Personaggio di primissimo piano nella storia d’Italia, la Regina Elena, principessa del Montenegro, è stata protagonista al castello di Magione di una giornata di studio organizzata dall’associazione dei Montenegrini e amici del Montenegro in Italia, rappresentata da Danijela Djurdjevic, e dall’Ordine di Malta con il patrocinio del Comune e la collaborazione della proloco in occasione dei dieci anni dell’indipendenza di questo Stato. In visita alla nostra comunità anche Zoran Srzentić, sindaco di Bar (Antivari), località turistica del Montenegro e luogo dove Giovanni da Pian di Carpine fu arcivescovo e morì nel 1252. 

I legami tra Ordine di Malta, Madonna del Fileremo e Montenegro L’iniziativa nasce dai forti legami che uniscono l’Ordine di Malta e l’Italia al piccolo stato che dette i natali alla futura regina d’Italia, a seguito del suo matrimonio nel 1896 con l’erede al trono Vittorio Emanuele III. Motivazioni ricordate in occasione della conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa, dalla presidente dell’associazione montenegrina Danijela Djurdjevic, dal conte Luciano Valentini di Laviano per conto dell’Ordine di Malta , dal professor Norberto Cacciaglia e da Giacomo Chiodini sindaco di Magione. Presente Luigi Bufoli per la proloco di Magione. “Il legame tra il Montenegro e i Cavalieri di Malta – ha spiegato Valentini di Laviano – ha il suo punto centrale nella devozione alla Madonna del Fileremo, antica e venerata icona risalente al IX-X secolo simbolo della spiritualità mariana dell’Ordine degli Ospitalieri di San Giovanni, per secoli al seguito dei Cavalieri di Malta. Data per dispersa dopo la guerra, è stata ritrovata proprio nel Montenegro, a Cettigne, dove ancora oggi è conservata,”. A ripercorrere tutte le vicende che uniscono l’immagine sacra all’Ordine di Malta è stato il giorno del convegno monsignor Giovanni Scarabelli.

Il rapporto, da rafforzare, tra Montenegro e Giovanni da Pian di Carpine Fra Giovanni da Pian di Carpine, ha ricordato il sindaco Chiodini, è il personaggio storico che unisce Magione al Paese balcanico. Qui, infatti, il francescano trascorse gli ultimi anni della sua vita in qualità di vescovo di Antivari. Nel salone d’onore del Castello dei Cavalieri di Malta sono intervenuti Mario Olivieri sugli “Aspetti politici della vita della regina Elena”; la scrittrice saggista Delfina Ducci su “Elena di Savoia una vita d’amore”; il professor Norberto Cacciaglia sugli aspetti poetici di Elena del Montenegro”. Il convegno si è aperto con l’inno del Montenegro cantato da Maria Ràtkova, accompagnata dalla pianista Patrizia Mencarelli alla presenza dell’ambasciatore del Montenegro presso la Santa sede e presso l’Ordine di Malta, Veselin Šucovic, e il rappresentante ufficiale della Casa reale di Montenegro, in rappresentanza di Sua altezza reale il principe Nikola Petrovic Njegos. Era presente per il Sovrano militare Ordine di Malta il Gran Cancelliere ad interim John Edward Critien e il procuratore della delegazione di Perugia e Terni Luciano Giuliodori.

Montenegro, a Magione convegno su Regina Elena con delegazioni di Antivari e Ordine di Malta

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

займы онлайн срочный займ в ставрополе займы онлайн в барнауле
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: