Violenza sulle donne, in tanti alla marcia per dire “Basta!”

Marcia contro la violenza sulle donne Passignano Magione1Una marcia colorata da grappoli di palloncini arancioni quella che domenica 4 ottobre ha visto uomini e donne, tra cui molti giovanissimi, camminare da Passignano a Magione per dire basta alla violenza sulle donne. All’iniziativa – promossa da Coop centro Italia sezione del Trasimeno a conclusione del progetto che ha visto impegnati i soci e i lavoratori in iniziative per sensibilizzare al problema della violenza sulle donne – hanno partecipato i sindaci dei comuni di Passignano, Ermanno Rossi, e Magione, Giacomo Chiodini e il presidente di Coop Centro Italia Giorgio Raggi. Una presenza, quella del primo cittadino magionese, particolarmente significativa perché sarà proprio il comune di Magione a ospitare il primo sportello antiviolenza del Trasimeno.

I sindaci Chiodini e Rossi in marcia «Lo sportello – ha spiegato Giacomo Chiodini – che entrerà in funzione a breve sarà un presidio a disposizione di tutta l’area del Trasimeno. Una conquista importante frutto di un lungo lavoro che ha visto coinvolti Asl, centro per le pari opportunità, associazioni e pubbliche amministrazioni». Già individuata con bando di manifestazione di interesse l’associazione che collaborerà al funzionamento del punto di ascolto. Si tratta dell’associazione culturale “Accademia Pietro Vannucci”. Il sindaco di Passignano Ermanno Rossi si è dichiarato disposto a partecipare ad altre iniziative finalizzate a creare consapevolezza e promuovere una cultura contro la violenza sulle donne.

La sensibilità di Coop sul tema della violenza di genere Il presidente di Coop Centro Italia, Giorgio Raggi, ha ricordato che la marcia chiude un percorso che ha visto i soci Coop delle varie sedi impegnati nel progetto “No alla violenza sulle donne“ attraverso l’organizzazione di iniziative che hanno spaziato in diversi settori: dallo sport alle cene di raccolta fondi; dall’organizzazione di flash mob alla realizzazione di un grande foto mosaico “Io ci metto la faccia” con i volti dei dipendenti che è stato montato a conclusione della marcia. La Coop contribuirà, inoltre, all’acquisto di materiale necessario alle sportello grazie al ricavato della cena sociale che si è tenuta lo scorso mese di settembre a Castiglione del Lago. Per l’Amministrazione comunale erano presenti, tra gli altri, il vicesindaco Massimo Lagetti, l’assessore alle politiche sociali Eleonora Maghini, i consiglieri Giancarla Sordi e Massimo Ollieri.

Il punto d’ascolto antiviolenza a Magione Eleonora Maghini, assessore alle politiche sociali di Magione, ha spiegato che «il centro antiviolenza è frutto di un percorso perseguito con la collaborazione di diverse realtà del comprensorio impegnate a dare supporto alle donne vittime di violenza. La gestione del punto d’ascolto avverrà tramite personale volontario appositamente formato, in rete con le realtà già esistenti quali Asl, uffici di cittadinanza, forze dell’ordine. La concomitanza tra marcia contro la violenza e inaugurazione dello spazio che andrà ad ospitare lo sportello – ha aggiunto Maghini – è un esempio di come pubblico e privato possano trovare occasioni comuni per temi di così grande portata sociale».

(foto Luigina Miccio)

Marcia contro la violenza sulle donne Passignano Magione. Da sinistra Maghini, Chiodini e Lagetti Marcia contro la violenza sulle donne. L'ingresso in piazza Matteotti a Magione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

займы онлайн срочный займ в ставрополе займы онлайн в барнауле
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: