Misericordia Magione, festa dedicata ai volontari impegnati con gli sfollati del sisma

MAGIONE – Sarà la piccola Francesca proveniente da Sant’Angelo di Amatrice, una delle zone dell’Italia centrale colpite dal sisma del 2016, ad apporre sabato mattina, in occasione dell’annuale festa della confraternita, la medaglia conferita dalla Confederazione Misericordie d’Italia a quella di Magione per il contributo dato in occasione del terremoto. Un modo per dire grazie, insieme ai suoi genitori, all’aiuto ricevuto in quei giorni di grande difficoltà “da cui – come spiega il vicepresidente della Misericordia Fabrizio Alunni – è nata una grande amicizia”. I volontari di Magione non sono però stati impegnati solo nel terremoto di Amatrice, qualche mese dopo coordinarono, insieme alla protezione civile e all’amministrazione comunale di Magione, l’ospitalità per oltre 400 sfollati dal terremoto della Valnerina. Un ricordo impresso nella memoria di molti che il sindaco Chiodini ha voluto ringraziare con un attestato di gratitudine. Continua a leggere

Sisma Italia centrale, a Magione nessun danno e tanta solidarietà

Sisma di Amatrice, volontari Misericordia Magione sul posto per allestire campo sfollati (2)MAGIONE – Nessun danno a cose e persone, ma gesti di amicizia e vicinanza verso quei territori toccati dalla furia distruttiva del terremoto. Magione ha vissuto così il sisma che ha toccato l’Italia centrale: cercando di essere di aiuto in maniera concreta. Già la sera del 24 agosto una prima squadra di volontari di protezione civile della Misericordia di Magione, attivata dalla colonna nazionale delle Misericordie, si è recata ad Amatrice per allestire il campo di accoglienza degli sfollati. (Nella foto: Fabrizio Alunni, Filippo Rigucci, Giovanni Negrini, Alessia Malloni, Mauro Caporalini e Luca Sordi). Oltre a loro, successivamente, altre tre squadre si sono alternate ad Amatrice. A Norcia invece, per effettuare sopralluoghi sulla stabilità degli edifici, si è recato l’ingegnere Maurizio Fazi, responsabile dell’ufficio lavori pubblici di Magione. Per chi è rimasto a Magione è partita in maniera spontanea una grande raccolta di beni concentrati alla sede Caritas di via Memorabile, che ha coinvolto molti privati cittadini e anche qualche azienda come Pesciarelli e Cancelloni. A breve sarà organizzata dalle forze politiche e sociali una cena di solidarietà. Continua a leggere